Lo Sviluppo Delle Abilita’ Fino-motorie

blank
blank

La Motricità Fine è la capacità di controllo motorio dei piccoli movimenti delle mani e delle dita che impegna una scarsa forza muscolare e richiede una maggiore concentrazione, precisione e settorializzazione delle dita.

Ecco a voi una presentazione per scoprire insieme le tappe di sviluppo fine motorio dei bambini dai 0 ai 5 anni.

blank
blank
blank

Lo Sviluppo Del Bambino 0-3 Anni

blank
Ogni bambino cresce con i propri ritmi: il tempo e il modo dipendono dall’esperienza e dagli stimoli ambientali che riceve. Le tappe di sviluppo non sono fisse e necessarie per acquisire una competenza. Esistono dei periodi di tempo all’interno dei quali è auspicabile che il bambino raggiunga alcuni obiettivi. La fascia d’età 0 – 3 anni è un periodo fondamentale, nel quale si pongono le basi per la costruzione armonica del bambino attraverso le sue interazioni con la realtà.



blank
blank
blank

Schema Corporeo

blank
blank

Autismo e Come Riconoscerlo

La rappresentazione del proprio corpo e della sua interazione con l’ambiente è un prerequisito fondamentale per il sistema nervoso nella pianificazione, nell’esecuzione e nell’orientamento dei movimenti nello spazio; ogni cambiamento motorio implica una rielaborazione di sé. In questo modo si definisce lo SCHEMA CORPOREO: struttura dinamica che, attraverso l’integrazione di informazioni esterocettive e propriocettive, fornisce la conoscenza del proprio corpo e delle sue posizioni all’interno dello spazio.

Infatti il Movimento è l’espressione della conoscenza realizzata dall’interazione con il mondo. Permette di conoscere, di interagire con l’ambiente esterno ed acquisire informazioni sviluppando insieme le abilità cognitive attraverso un rapporto circolare: “se il movimento serve per conoscere è altrettanto vero che i processi cognitivi servono a modificare il movimento”(C. Perfetti).

Dunque, il corpo è considerato come l’elaboratore di informazioni attraverso le esperienze tattili, visive, acustiche, pressorie e motorie; ed è in stretta correlazione con la costruzione delle abilità visuo-spaziali.

Per favorire lo sviluppo dello schema corporeo lavoriamo sulle seguenti competenze:

Riconoscimento e discriminazione delle parti del corpoConoscenza ed Interiorizzazione dei concetti topologici e temporaliEsplorazione finalizzata dell’ambiente Equilibrio statico e dinamicoPercezione spaziale: conoscenza delle coordinate spaziali del proprio corpo e conoscenza delle coordinate dello spazio circostanteOrientamento spaziale e propriocezione del corpo Lateralità: conoscenza della dx-sn su se stesso e sull’altro,Rappresentazione e pianificazione mentale del proprio corpo nello spazioArousal e Attenzione selettiva agli stimoli ambientali

IMPORTANTE: lo schema corporeo non è una capacità innata ma, anzi, acquisita progressivamente con lo sviluppo. Attraverso le esperienze da più canali sensoriali, il bambino riesce a porre le basi per la conoscenza e l’apprendimento.

 
blank
blank
blank

Grafismo

blank

Autismo e Come Riconoscerlo

 
 
blank
blank
blank
blank

Funzioni Esecutive

blank
blank

Le Funzioni Esecutive sono definite come “quei processi mentali finalizzati ad elaborare schemi cognitivi-comportamentali adattivi in risposta a condizioni ambientali nuove e impegnative”.

Rappresentano la capacità di regolare e strutturare la nostra azione e/o reazione di fronte ad attività e situazioni nuove o insolite, la capacità di modificare e adattare la propria risposta ai diversi contesti e richieste, di inibire le risposte comportamentali ed emotive improprie, di modificare la risposta e di correggere gli errori, di attivare strategie per arrivare alla risoluzione del problema analizzando le diverse possibilità, di pianificare e di condurre un ragionamento logico-cognitivo.

Si inseriscono tra quei processi cognitivi definiti superiori in quanto svolgono un ruolo fondamentale nel comportamento “intelligente” ossia consono ed adatto ad ogni situazione; aiutano e condizionano il comportamento per uscire da situazioni complesse.

Le Funzioni Esecutive sono delle abilità fondamentali ed estremamente importanti nella vita di tutti i giorni perché regolano e permettono l’interazione con il mondo svolgendo un ruolo determinante nei rapporti sociali, in particolare nell’adattamento e nelle regole sociali, e favorendo e sostenendo l’apprendimento di abilità scolastiche e della vita.

 

Le abilità legate alle funzioni esecutive sono:

Pianificazione ed Organizzazione

Attenzione

Memoria di lavoro

Categorizzazione

Problem Solving

Flessibilità

Autocontrollo e Inibizione

Metacognizione

blank
blank
blank
blank

Prerequisiti Dell’apprendimento

blank
blank

Autismo e Come Riconoscerlo

I PREREQUISITI DELL’APPRENDIMENTO
I prerequisiti dell’apprendimento sono un insieme di funzioni e abilità specifiche, che iniziano a svilupparsi molto prima dell’ingresso del bambino alla scuola primaria. Il lavoro sui prerequisiti, dunque, è rivolto in particolare ai bambini di 4-5 anni che frequentano l’ultimo anno della scuola dell’infanzia con l’obiettivo di prepararli all’introduzione in prima elementare in maniera armonica ed autonoma.

Le aree dello sviluppo del bambino da potenziare sono:

CAPACITA’ METAFONOLOGICHE
CAPACITA’ ATTENTIVE E MNEMONICHE
ABILITA’ DI RAGIONAMENTO LOGICO
CAPACITA’ PSICOMOTORIE E SCHEMA CORPOREO
CAPACITA’ VISUO-PERCETTIVE E VISUO-SPAZIALI
COORDINAZIONE OCULO-MANUALE
ABILITA’ GRAFO-MOTORIE
CAPACITA’ DI ORIENTAMENTO E CONSAPEVOLEZZA SPAZIO-TEMPORALE
CAPACITA’ EMOTIVE
AUTONOMIE

DSA

blank

Autismo e Come Riconoscerlo

DISTURBI SPECIFICI DELL’APPRENDIMENTO

I Disturbi Specifici dell’Apprendimento (DSA) racchiudono un gruppo eterogeneo di disturbi che si manifestano con difficoltà nell’acquisizione e nell’uso delle abilità di ascolto, di espressione orale, lettura, scrittura, ragionamento e matematica in presenza di un quoziente intellettivo nella media. Possono coesistere con i DSA problemi nell’autoregolazione comportamentale, nella percezione sociale, nell’interazione sociale. Il soggetto con DSA ha un’intelligenza adeguata, non presenta particolari difficoltà emotive e mostra difficoltà nell’apprendimento scolastico con scarsi risultati a scuola, con faticabilità nello svolgimento di compiti.

Il Disturbo specifico dell’apprendimento è un disturbo al cui interno è possibile dare una specificità e distinzione del campo e dominio compromesso.

Esistono 4 domini specifici di DSA:

Dislessia: Difficoltà nell’acquisizione ed automatizzazione dei meccanismi di base della lettura, della velocità e correttezza. Disortografia: Difficoltà nell’applicazione delle regole ortografiche Disgrafia: Difficoltà nella produzione ed esecuzione di un testo scritto (lettere e numeri) Discalculia: Difficoltà nelle abilità numeriche e di calcolo

 

CAMPANELLI DI ALLARME

-Prova ad indovinare la parola letta o inventare parole senza senso
-Inverte le parole e le sillabe nelle paroleLentezza di lettura e scrittura
-Fa fatica a comprendere il significato di ciò che viene letto
-Difficoltà nel gesto grafico e nel rispetto dei margini spaziali
-Difficoltà a rispettare il rigo di scrittura
-Possiede una scrittura poco comprensibile difficile da decifrare
-Difficoltà nel dominio numerico: difficoltà e riconoscimento nella scrittura e grandezza dei numeri
-Difficoltà nella memorizzazione delle tabelline, nell’incolonnamento dei numeri durante le operazioni
-Difficoltà nei processi di ragionamento e risoluzione matematica
-Presenza di stanchezza al momento dei compiti
-Mancata automatizzazione degli apprendimenti
-Ridotta autostima e difficoltà di autoregolazione emotiva

 
blank

ADHD – IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE/IPERATTIVITA’

blank
blank
ADHD – IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE/IPERATTIVITA’
L’ ADHD è un disturbo evolutivo dell’autoregolazione del comportamento che si manifesta soprattutto con difficoltà di mantenimento dell’attenzione, del controllo motorio e delle risposte impulsive. ADHD è l’acronimo di Attention Deficit Hyperactivity Disorder che in italiano si traduce come Disturbo da Deficit di Attezione ed Iperattività (DDAI). Tale deficit rappresenta uno dei più comuni disturbi del Neurosviluppo che compromette ed interferisce il normale svolgimento della vita quotidiana del bambino o dell’adulto in tutti i contesti ambientali (casa, scuola, lavoro ecc..).
Il DSM-5 indica una prevalenza del disturbo con una frequenza maggiore nei maschi rispetto alla femmine con un rapporto di 6:1. Ancora oggi le cause dell’insorgenza non sono confermate ma vengono definiti alcuni fattori di rischio:
– Basso peso alla nascita
– Assunzione di Alcol e fumo in gravidanza
– Ereditabilità: alterazione di geni che regolano il sistema dopaminergico.
Dagli ultimi studi effettuati, l’ADHD è causato da un difetto evolutivo dei circuiti cerebrali che regolano l’inibizione e la regolazione dell’autocontrollo dovuto dalla carenza di concentrazione di Dopomina.
La dopamina ha la funzione di inibire, regolare e modulare l’umore, le emozioni e le capacità di movimento. Poiché i bambini con ADHD presentano una scarsa concentrazione di Dopamina, mostrano alterazioni degli impulsi sensoriali non riuscendo a reagire adeguatamente agli stimoli ambientali. Gli studi scientifici realizzati in ambito neurobiologico hanno evidenziato anomalie strutturali in 4 regioni cerebrali: corteccia prefrontale, gangli della base, cervelletto e corpo calloso. Tali regioni sono deputate al sistema di controllo di vigilanza, delle capacità di inibizione, della memoria di lavoro, di flessibilità cognitiva.
Esistono 3 tipi di ADHD:
1) ADHD Inattentivo
2) ADHD Iperattivo-Impulsivo
3) ADHD Combinato (presenza di tutte e 3 le caratteristiche)
SEGNI CLINICI
I segni clinici persistenti nell’ADHD sono:
DISATTENZIONE: difficoltà a sostenere l’attenzione o a lavorare su un medesimo compito per un periodo prolungato.
IPERATTIVITA’: presenza di alti livelli di attività motoria e verbale.
IMPULSIVITA’: difficoltà di inibire il comportamento inappropriato in un determinato contesto, di posticipare la soddisfazione di un desiderio e di prevedere le possibili conseguenze a cui un’azione può comportare. La difficoltà di Attenzione è il sintomo centrale che caratterizza tale disturbo in quanto è il sintomo che persiste più a lungo, talvolta anche fino all’età adulta; mentre l’eccessiva irrequietezza motoria tende a diminuire con l’avanzare dell’età.
E’ possibile, a volte, notare i sintomi che persistono anche intorno ai 3 anni di età in due ambiti differenti (scuola e casa).
CAMPANELLI DI ALLARME ETA’ PRESCOLARE
In età prescolare il bambino con ADHD presenta comportamenti:
-Passa da un’attività ad un’altra in maniera caotica e confusionale
-Presente ipercinesia/ ipermotricità
-Mostra difficoltà a rispettare le regole in quanto non riesce ad assimilarle e/o a conservare le informazioni per determinati giochi o compiti
-Difficoltà a gestire ed a regolare gli impulsi
-Durata ed intensità ridotta nel gioco
-Presenza di comportamenti Oppositori – Provocatori
-Presenza di comportamenti sociali inadeguati (difficoltà ad ascoltare l’altro, interrompe gli altri, comportamenti di sfida)
ETA’ SCOLARE (6-12 anni)
Il bambino scolare con ADHD può presentare:
-Persistenza dell’instabilità motoria: tende ad alzarsi frequentemente
-Scarsa capacità di Inibizione Facile distraibilità -Difficoltà attentive più evidenti in base al compito realizzato
-Difficoltà di apprendimento e scarsa motivazione allo studio
-Difficoltà nelle Funzioni Esecutive (FE)
-Presenza di alterazioni tono dell’umore/aggressività
-Comportamenti oppositori/provocatori
-Bassa Autostima e difficoltà nella gestione delle emozioni.
blank
blank
blank